Italia

Leader internazionale per l’elettronica e la meccatronica automotive.

 

Connettività olistica del veicolo per una mobilità intelligente

Infotainment del futuro, audio senza diffusori, aggiornamenti wireless e flotte connesse

  • Infotainment e molto di più: la connettività come tecnologia portante per la futura mobilità
  • Dagli aggiornamenti over-the-air fino all’audio senza diffusori
  • Il veicolo come una stazione meteo mobile e le auto a noleggio del futuro

Cinisello Balsamo (MI), 21 giugno 2017. Nel 1996 Continental connette ad internet i primi veicoli. Da allora, l’azienda tecnologica tedesca ne ha connessi più di 30 milioni e il futuro promette un ulteriore aumento: per la prima volta in assoluto, quest’anno la metà di tutte le nuove auto prodotte sarà integrata con una soluzione di connettività. Ciò significa che entro il 2020 sulle nostre strade, in tutto il mondo, circoleranno circa 250 milioni di auto connesse.

 “La connettività in auto, che fino a poco tempo fa era vista semplicemente come un optional, sta diventando una tecnologia portante per la futura mobilità intelligente. Per questo motivo ci stiamo concentrando sulla connettività olistica per una connessione continua e sullo sviluppo del concetto dell’intero veicolo come un sistema aperto” dichiara Helmut Matschi, membro dell’Executive Board di Continental e Responsabile di Interior, una delle divisioni di Continental Automotive. “La connettività olistica riguarda tutti gli aspetti di un veicolo connesso, dall’architettura elettronica interna al veicolo passando per la connessione continua fino ad arrivare ai servizi e all’interazione uomo-macchina. Oggi stiamo ponendo le basi per tutte le aree della connettività olistica, modellando così la mobilità del futuro”.

Aggiornamenti: wireless, continui e per l’intero veicolo

Tenere il software del veicolo costantemente aggiornato o scaricare nuove funzioni senza doversi recare in officina: quello che da molto tempo è lo standard per i computer e gli smartphone sembra essere fantascienza se rapportato al mondo dell’automotive. “Gli aggiornamenti software wireless per l’intero veicolo sono un tassello fondamentale per la connettività olistica” afferma Matschi. Per Continental, questa non è semplicemente una dimostrazione di come questa funzionalità possa essere implementata nei veicoli in modo efficace e affidabile. Continental ha unito le forze con Carnegie Technologies per arrivare ad una soluzione che consente un passaggio continuo e senza interruzioni tra differenti reti wireless (telefonia mobile, Wi-Fi o sistemi satellitari). Per inviare pacchetti di dati contenenti un gran numero di informazioni dal cloud al veicolo e viceversa, la soluzione può inoltre combinare linee di dati, trasformando ad esempio il dispositivo mobile del passeggero in uno strumento di condivisione, aumentando così la capacità di trasmissione. In una collaborazione con Inmarsat, Continental sta inoltre utilizzando la comunicazione satellitare, in aggiunta alla telefonia mobile e al Wi-Fi, per fornire ai costruttori di veicoli e agli autisti di tutto il mondo la migliore rete di connessione possibile.

Infotainment del futuro: direttamente dal cloud

La connettività olistica renderà l’infotainment di bordo più flessibile ed intelligente. Grazie al cloud terminal, applicazioni che prima erano direttamente integrate nell’unità centrale saranno ora spostate nel cloud. Questo assicura che il sistema sia sempre aggiornato e che nuove funzionalità possano essere aggiunte in ogni momento e applicate a diversi modelli e classi di veicoli. Il cloud di Continental utilizza strumenti di sviluppo standard, di conseguenza non sono necessari sviluppatori con competenze specifiche del settore software automotive. Continental sta aprendo le porte dell’auto connessa ad una vasta comunità di sviluppatori, creando così le basi per una serie di entusiasmanti funzionalità. Il cloud terminal agisce anche come assistente digitale dell’autista, ne analizza infatti le abitudini e gli fornisce funzionalità dedicate e personalizzate. Ad esempio, imposta automaticamente la stazione radio preferita nel percorso casa-lavoro.

Il miglior suono – anche senza diffusori

“Quando si tratta di infotainment del futuro un ottimo suono è parte integrante di un’esperienza stimolante di mobilità”, prosegue Matschi. Con il sistema audio speaker-less, Continental reinventa l’impianto audio dell’automobile, riducendo drasticamente il peso e il volume di installazione. Rispetto ai convenzionali sistemi audio 3D ad alta definizione, il sistema speaker-lessrichiede il 95% in meno di volume. Dotato di attuatori che causano la vibrazione di specifiche superfici del veicolo, il sistema funziona in modo analogo ad uno strumento a corda e garantisce un’esperienza audio di massimo livello per ogni classe di veicolo.

“Nell’era delle auto elettriche, i costruttori di veicoli sono alla ricerca di soluzioni innovative per ridurre drasticamente il peso dei veicoli e recuperare spazio per passeggeri e nuove tecnologie, senza tralasciare la qualità del suono e del design dell’auto. Il nostro approccio è quello di trattare l’automobile come un vero e proprio strumento musicale. Utilizziamo attuatori compatti per far vibrare le superfici più adatte, garantendo un’esperienza sonora il più naturale possibile”.

La connettività per nuovi approcci al design e all’interazione

La connettività comporta un utilizzo all’interno del veicolo di schermi più grandi, ma strumenti interamente digitali lasciano poco spazio al design. Per consentire agli autisti del futuro di godere di contenuti digitali senza dover fissare un classico schermo piatto, Continental ha sviluppato il 3D display surface, che regala personalità al classico schermo.Inoltre, l’integrazione di funzioni digitali con l’estetica degli interni del veicolo è una caratteristica sempre più ricercata dai clienti. A questo proposito lo sviluppo dell’illuminazione diventa un punto fondamentale. Acella Hylite, materiale per rivestimento traslucido, produce effetti speciali di illuminazione che possono essere utilizzati, ad esempio, per la retroilluminazione delle portiere. Possono essere utilizzate diverse fonti luminose per creare effetti di colore personalizzati o per evidenziare segnali di allarme. Integrando i rivestimenti con apposite tecnologie di illuminazione, la retroilluminazione può adattarsi al ritmo circadiano, alle condizioni meteo e alla luminosità esterna, mentre l’illuminazione principale può variare di colore e intensità per stimolare le sensazioni.
Gli schermi devono quindi adattarsi alle esigenze delle funzionalità di connettività e devono anche essere orientati verso il mondo digitale. Per migliorare la comunicazione silente tra autista e veicolo, Continental ha sviluppato una tecnologia touch user-friendly per il cruscotto.

Connettività olistica: la base per nuovi servizi di mobilità

Oltre ad ampliare le possibilità tecnologiche e di design nel veicolo, la connettività olistica offre una serie di vantaggi aggiuntivi, come spiega Matschi: “Per noi, la connettività olistica crea modelli di business completamente nuovi. I servizi di mobilità diventeranno il nuovo pilastro di Continental, in aggiunta ai nostri prodotti.” Un requisito fondamentale per una gamma di servizi di mobilità è: più il veicolo conosce l’ambiente che lo circonda, più diventa efficiente e sicuro sulle strade. Con eHorizon, Continental dimostra come un veicolo possa fornire importanti informazioni sul traffico per il cloud e per altri utenti della strada, utilizzando la così detta funzionalità crowd sourcing della telecamera di assistenza all’autista. Sulla base delle informazioni raccolte possono essere implementati numerosi servizi di mobilità. Costituisce inoltre un elemento centrale per lo sviluppo della guida automatizzata.

L’automobilista beneficia di diversi vantaggi: i dati topografici sono sempre aggiornati, aumentando il livello di precisione di strategie predittive di guida. L’autista riceve, in tempo reale, messaggi su limiti di velocità, lavori in corso ed altri avvisi in base alla sua posizione.

Un altro esempio della applicazione di questo nuovo concetto è l’Auto a Connettività Olistica di Continental. Con questa applicazione l’azienda non solo mostra come una veicolo possa diventare parte dell’Internet of Things, ma fornisce anche degli approfondimenti sullo sviluppo di nuovi servizi quali eHorizon.weather. Utilizzando come base la tecnologia eHorizon, questa soluzione trasforma il veicolo in una vera stazione meteo mobile. Il servizio, creato in collaborazione con Météo-France, migliora il comfort di guida e la sicurezza e fornisce dati per le previsioni meteorologiche.
eHorizon.weather utilizza tecnologie già esistenti nei veicoli connessi, come i sensori dei tergicristalli, gli antinebbia o ABS e ESP per ottenere informazioni su temperatura, pressione dell’aria, visibilità e condizioni della strada. Ricevere queste informazioni in anticipo può ridurre il rischio di incidenti ed aumentare il livello di attenzione degli autisti, con un particolare beneficio per autisti professionali e aziende di trasporto.

Continental, allo scopo di testare questi servizi innovativi, ha costruito uno speciale campo di prova all’aperto in Francia che impiega ben 200 veicoli.

Gestione delle flotte connesse e auto a noleggio del futuro

Nel mondo del fleet management in particolare, la connettività apre la strada a numerose nuove possibilità e permette, ad esempio, una diagnostica predittiva e da remoto. vAnalytics e Remote Vehicle Data sono servizi già disponibili. Grazie all’applicazione di VoicR, Continental sta inoltre trasformando la tecnologia radio analogica CB (Banda Cittadina), vecchia di 40 anni, in un network digitale in cui i conducenti nelle vicinanze sono sempre connessi e comunicano tra loro in tempo reale, ricevendo informazioni specifiche in base alla loro posizione e agevolando il lavoro del fleet manager che può tenere sempre sotto controllo lo stato e la posizione dei suoi autisti e veicoli. La società tecnologica sta quindi creando nuove soluzioni per una gestione della flotta efficiente, sicura e orientata al futuro con uno sguardo rivolto in particolar modo al mercato dei veicoli commerciali.

Il noleggio tramite App, l'accesso al veicolo tramite smartphone, la regolazione personalizzata del sedile o anche la diagnostica da remoto: sono solo alcune delle potenzialità che la connettività olistica offre nell’auto a noleggio del futuro. La Remote Cloud Key, ad esempio, abilita il controllo condiviso dell’accesso al veicolo senza la necessità di avere una chiave fisica. L’utente, dopo aver scelto e prenotato un’auto a noleggio, è guidato dall’App fino alla posizione del veicolo, che si aprirà automaticamente al suo arrivo.

Con le sue soluzioni tecnologiche, Continental sta dimostrando come la connettività olistica sta cambiando l'esperienza di mobilità degli utenti della strada.  

Downloads

VDO in Italia

Contattaci o trova un rivenditore

Contatti

Fiere ed eventi

Scopri gli eventi a cui VDO parteciperà nel 2017

Fiere ed eventi

Download

Scarica cataloghi, schede tecniche, manuali

Contatti per la stampa

Romina Porro

Communication Specialist CVAM RSO Italy

Tel. +39 02 35680310 Mob. +39 347 8320561

e-mail Twitter Continental CVAM

© Continental Automotive Trading Italia s.r.l. 2017

VDO - A Trademark of the Continental Corporation