Italia

Leader internazionale per l’elettronica e la meccatronica automotive.

 

Informazioni di base

Nuova normativa della Comunità Europea

La regolamentazione EU, entrata in vigore dal 1° novembre 2014, è orientata verso una maggiore sicurezza ed efficienza. Già dal 2012 molti costruttori equipaggiavano alcuni modelli di auto di categoria M1 con sistemi di monitoraggio della pressione degli pneumatici.  

Regole chiare

Il Regolamento EU ECE R 661 specifica chiaramente quali informazioni deve visualizzare il sistema al fine di incrementare la sicurezza:

  • Perdita improvvisa di pressione pari o superiore al 20% entro 10 minuti.
  • Avviso al conducente se vi è una perdita graduale della pressione entro 60 minuti.
  • Funzionamento affidabile dalla velocità di 40 km/h fino alla velocità massima di omologazione del veicolo.

Rispettate tali specifiche, le case automobilistiche sono libere di decidere quale sistema utilizzare nei propri veicoli. La scelta è tra due principali tecnologie molto diverse: sistema indiretto o diretto.

Sistemi indiretti

Valutano i segnali provenienti dai sensori di velocità del sistema ABS. Il sistema indiretto rileva tramite software la differente velocità di una ruota rispetto alle altre e attiva un segnale di allarme solo se l'anomalia è dovuta ad una effettiva perdita di pressione, non se la causa è imputabile alle normali condizioni di guida (es. variazione di velocità delle ruote in curva).

I sistemi indiretti presentano i seguenti svantaggi:

  • rilevamento della pressione solo a veicolo in movimento
  • lentezza nella rilevazione ed elaborazione dei dati

Sistemi diretti

In un sistema diretto ogni ruota è dotata di uno specifico sensore che rileva in tempo reale la pressione dello pneumatico e in alcuni casi anche la sua temperatura. Queste informazioni vengono trasmesse in modalità wireless a una centralina che le analizza e, in caso di perdita di pressione, visualizza un avviso sul quadro strumenti o su apposito display.

I sistemi diretti richiedono una ricalibrazione del sensore/veicolo ogni volta che i sensori vengono spostati o sostituiti; ciò può anche avvenire automaticamente a seconda del veicolo.

I vantaggi dei sistemi diretti:

  • maggiore velocità e precisione nel rilevare i dati
  • visualizzazione di pressione e temperatura di ogni singolo pneumatico, anche a veicolo fermo
  • nessuna ricalibrazione se le variazioni di pressione dello pneumatico sono dovute a cause esterne

Le nostre soluzioni specifiche per i sistemi TPMS diretti:

TPMS (fissaggio tramite valvola): Lista di applicazioni

VDO Redi-Sensor (applicazione tramite incollaggio all'interno dello pneumatico): nuovo, versatile e pre-programmabile

 

Piccola modifica, grande beneficio

La legislazione europea è stata introdotta per importanti motivi.  È stato verificato che molte auto in Europa viaggiano con pneumatici non correttamente gonfiati: ciò fa consumare più carburante e usurare maggiormente gli pneumatici ma soprattutto compromette la manovrabilità del veicolo e quindi la sicurezza.

Sono ottime motivazioni per installare i nuovi sistemi, come dimostrano i nostri video informativi:

VDO in Italia

Contattaci o trova un rivenditore

Contatti

Fiere ed eventi

Scopri gli eventi a cui VDO parteciperà nel 2016

Fiere ed eventi

Download

Scarica cataloghi, schede tecniche, manuali

Catalogo online Parti di ricambio VDO

VDO Replacement Parts Online Catalog Vai al catalogo

Contatti per TPMS

Per informazioni sui sistemi TPMS di VDO, contattaci ai seguenti riferimenti: Tel. 02 356801

info.consumatori@continental-corporation.com

© Continental Automotive Trading Italia s.r.l. 2016

VDO - A Trademark of the Continental Corporation